L’avulsione traumatica dei denti

Come risultato di un incidente automobilistico, di traumi durante il gioco o gli sport, un dente intatto può essere letteralmente rimosso dalla sua sede naturale, l’alveolo. Una rapida e precisa azione può permettere a questo dente di essere reimpiantato.

Il dente avulso deve essere immediatamente localizzato, preso delicatamente dalla corona (e non dalla radice) e pulito con acqua. E’ indispensabile evitare di usare saponi o disinfettanti o, peggio, strofinare la radice vigorosamente, nel tentativo di pulirla.
Ognuna di queste azioni può danneggiare in modo irreversibile le cellule vive presenti sulla superficie radicolare.
Se è possibile, il dente deve essere rimesso immediatamente nell’alveolo, mantenendolo in posizione mentre ci si reca con rapidità dall’Odontoiatra, che deve ovviamente essere avvisato telefonicamente, in modo che si possa preparare a fronteggiare l’emergenza.

Metodi alternativi per trasportare il dente all’Odontoiatra sono il collocarlo nella bocca vicino alle guance, oppure tenerlo in un recipiente d’acqua o meglio latte o soluzione fisiologica.
L’Odontoiatra potrà quindi ricollocare il dente nell’alveolo e solidalizzarlo con i denti vicini.
Questo trattamento non assicura la ritenzione a vita del dente traumatizzato nell’alveolo; esso potrà infatti rimanere in situ per alcuni anni e solo occasionalmente per sempre.
Il suo destino infatti è il riassorbimento della radice che nell’arco di 4-5 anni viene sostituita da tessuto osseo fino a sparire del tutto. Tuttavia, anche pochi anni di permanenza del dente in bocca giustificano la correttezza del trattamento. Bisogna sottolineare che il tempo di permanenza fuori dall’alveolo è il fattore critico dal quale dipende il successo del reimpianto, insieme al mezzo di contenzione in tale intervallo di tempo.
Un’azione rapida di delicata pulizia, il mantenimento in ambiente umido e il reimpianto rapido possono offrire grandi possibilità di successo. Il dente non dovrebbe rimanere più di 30 minuti al di fuori della bocca e possibilmente mai all’asciutto.

Non bisogna dimenticare anche che in traumi meno gravi delle avulsioni, quali le fratture coronali, è possibile minimizzare i danni se si recuperano i frammenti fratturati.
Questi possono essere agevolmente reincollati con un’ottima estetica.